Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

SOFIA TISATO: ORLANDO TISATO L'UOMO, IL PITTORE


Il motivo è molto semplice: i suoi modi sono sempre più originali e quindi risulta, in un moderato ambiente cattolico, troppo fuori dagli schemi. A partire dall'abbigliamento: ostenta gli abiti di un dandy, elegantissimi, fatti su misura; come i pantaloni a quadretti bianchi e blu, coordinati con la sciarpa, il gilet e il berretto, con cui va alla prima del Teatro Verdi; come le bretelle nere ricamate di rose alpine che esibisce, definendole "le più belle tiracche del mondo". Anche il suo linguaggio cambia, sempre più sboccato, provocatorio, aggressivo. Ma quando il contesto da profano si fa spirituale, non è secondo a nessuno nell'esprimere l'ascesi: alla processione del Santo si presenta con un enorme cappello di paglia, a testa bassa, indossando una breve lunga veste bianca. C'è chi  insinua, piuttosto apertamente la sua omosessualità, anche se di fatto non ne esistono i motivi.  Intorno ad Orlando che ritiene di somigliare a James Dean, girano parecchie ragazze affascinate.

Continua a leggere Merton, le cui opere giungono progressivamente in Italia: "Semi di contemplazione" (1949), "Nessun uomo è un'isola" (1955) e via dicendo, diventando sempre più i suoi testi di riferimento. Riprende a dipingere soggetti sacri, con uno spirito completamente diverso da quello del passato: ora al centro del suo interesse c'è il tema del  campo di concentramento, con riferimento alle sue vicende  del seminario di Venezia, dove "l'unica libertà era la libertà di morire". Il campo è l'emblema per eccellenza della struttura organizzata che schiaccia l'individuo, sia essa sociale, ecclesiale o politica, e la figura più adatta a rappresentarne il tormento  è il "Giobbe 61", presentato alla XIV BAT: una figura di un uomo scheletrico, calvo, piagato, raggomitolato a terra in un'espressione di sconfitta, può simboleggiare la passione del Cristo che sempre si rinnova nei mali del mondo, ma è pure un autoritratto, il corpo di Orlando smagrito dalla malattia.
S. Tisato Orlando Tisato l'uomo, il pittore

Commenti

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Paolo Cognetti: Le otto montagne

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…