Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

Émile Durkheim Il suicidio

I risultati dei libri precedenti non sono completamente negativi. Infatti, vi abbiamo stabilito che, per ogni gruppo sociale, esiste una tendenza specifica al suicidio che né la costituzione organico-psichica degli individui, né la natura dell'ambiente fisico potrebbero spiegare.  Ne consegue, per eliminazione, che questa tendenza dipende necessariamente da cause sociali e costituisce, di per sé, un fenomeno collettivo; anche alcuni dei fatti che abbiamo esaminato, in particolare le variazioni geografiche e stagionali del suicidio, ci avevano condotto a questa conclusione.  È tale tendenza che dobbiamo studiare adesso più da vicino.
Émile Durkheim Il suicidio
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna

Fa sempre più freddo. Lucas dice a Yasmine:
-Mathias ha bisogno di vestiti pesanti, e tu anche.
Yasmine dice:
- So lavorare a maglia. Avrei bisogno della lana e dei ferri.
Lucas compra una cesta di gomitoli di lana e ferri da calza di varie dimensioni. Yasmine fa dei maglioni, dei calzettoni, delle sciarpe, dei guanti, dei berretti. Con gli avanzi della lana, confeziona delle coperte di tutti i colori. Lucas le fa i complimenti.
Yasmine dice:
- So anche cucire. A casa avevo la macchina per cucire di mia madre.
A. Kristof, Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna, Einaudi.