Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

AGOSTINO D'IPPONA: LE CONFESSIONI

Ma tu, o Signore, sempre vivo, di cui nulla muore, perché prima che avessero inizio i secoli e antecedentemente ad ogni prima o poi sei il Signore e Padrone di tutto quanto Tu creasti: in cui hanno sede le cause di ciò che è temporaneo e irrazionale, di' a questo miserabile che ti supplica, dimmi, signore misericordioso, se mai la mia infanzia sia succeduta a qualche altra esistenza ormai defunta; forse quella che vissi nel grembo della madre mia? Qualche cosa me ne fu detto: io stesso vidi donne incinte. E prima di codesto periodo, o mio Dio e mia dolcezza, fui in qualche luogo, fui qualcuno? Non ho alcuno che possa darmi una risposta: non lo poterono il padre e la madre, né esperienze altrui: né la mia memoria. Ma forse Tu disdegni queste mie questioni e vuoi che io ti lodi e glorifichi per quello che posso conoscere?
Agostino d'Ippona Le confessioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…