Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

AGOSTINO D'IPPONA: LE CONFESSIONI

Ma tu, o Signore, sempre vivo, di cui nulla muore, perché prima che avessero inizio i secoli e antecedentemente ad ogni prima o poi sei il Signore e Padrone di tutto quanto Tu creasti: in cui hanno sede le cause di ciò che è temporaneo e irrazionale, di' a questo miserabile che ti supplica, dimmi, signore misericordioso, se mai la mia infanzia sia succeduta a qualche altra esistenza ormai defunta; forse quella che vissi nel grembo della madre mia? Qualche cosa me ne fu detto: io stesso vidi donne incinte. E prima di codesto periodo, o mio Dio e mia dolcezza, fui in qualche luogo, fui qualcuno? Non ho alcuno che possa darmi una risposta: non lo poterono il padre e la madre, né esperienze altrui: né la mia memoria. Ma forse Tu disdegni queste mie questioni e vuoi che io ti lodi e glorifichi per quello che posso conoscere?
Agostino d'Ippona Le confessioni
Posta un commento

Post popolari in questo blog

REGGIA DI VENARIA REALE

Museo D'Orsay

Visita al museo

Paolo Cognetti: Le otto montagne