Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

J. L. Borges: Eraclito

 
Il secondo crepuscolo.
La notte che penetra nel sonno
La purificazione e l’oblio.
Il primo crepuscolo.
La mattina ch’è stata l’alba.
Il giorno che fu il mattino.
Il folto giorno che sarà la sera consunta.
Il secondo crepuscolo.
Quest’altra usanza del tempo, la notte.
La purificazione e l’oblio.
Il primo crepuscolo…
L’alba segreta e nell’alba
Lo sgomento del greco.
Che trama è questa
Del sarà, dell’è, del fu?
Che fiume questo
Pel quale corre il Gange?
Che fiume, la cui fonte è inconcepibile?
Fiume, codesto, che porta
Via con sé miti e spade?
È inutile che dorma. Il fiume corre
Nel sonno, nel deserto, in scantinati.
Il fiume mi rapisce , io sono il fiume.
Di labile materia fui costrutto, di misterioso tempo.
È in me forse la fonte.
Forse la mia ombra
Nascono i giorni fatali e illusori.
                                                  
Jorge Luis Borges   da “Elogio dell’ombra”     Eraclito
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna

Fa sempre più freddo. Lucas dice a Yasmine:
-Mathias ha bisogno di vestiti pesanti, e tu anche.
Yasmine dice:
- So lavorare a maglia. Avrei bisogno della lana e dei ferri.
Lucas compra una cesta di gomitoli di lana e ferri da calza di varie dimensioni. Yasmine fa dei maglioni, dei calzettoni, delle sciarpe, dei guanti, dei berretti. Con gli avanzi della lana, confeziona delle coperte di tutti i colori. Lucas le fa i complimenti.
Yasmine dice:
- So anche cucire. A casa avevo la macchina per cucire di mia madre.
A. Kristof, Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna, Einaudi.