Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

Dio, nascosto e presente. In Rousseau, la vita, il pensiero, i testi esemplari di C. Salomon - Bayet


Profondamente ottimista, la coscienza roussoviana della Provvidenza non si coglie però senza un
elemento tragico, senza una tensione, talvolta sostenuta
fino al delirio tra il Dio che non parla e l'uomo per il
quale tutto è segno – se coscienza tragica è quella per
cui «valore autentico è sinonimo di totalità e,
inversamente, qualsiasi tentativo di compromesso
s'identifica col supremo decadimento». Ci basterà
ricordare due frasi della medesima pagina di una lettera
a Franquières: «Credo tuttavia che Dio si sia
suficientemente rivelato agli uomini tramite le sue
opere come nei loro cuori, e se alcuni non lo
conoscono, ciò dipende a mio giudizio dal fatto che non
vogliono conoscerlo, e dal fatto che non ne hanno
bisogno.». È l'enumerazione tecnica e concisa delle due
prove dell'esistenza di Dio, l'ordine dell'universo e il
dettame della coscienza. «Allora, colto da timore, si arresta e non tocca il velo, pago di sapere che l'essere
immenso è al di sopra»: Dio è tanto più presente quanto più resta velato. Ma Rousseau si impunta sul problema con un accanimento metodico a lui poco abituale: vuole edificare un sistema sviluppandone i principi come farà per il diditto politico. E l'esposizione di questo sistema è contenuta in un solo testo e che pure è soltanto un frammento dell'Emilio, La professione di fede del vicari savoiardo.
Dio è inconcepibile , e la tematica di roussoviana è condannata a costruire su un'incognita. Ma se Dio è l'essere inconcepibile noi lo concepiamo attraverso le sue opere. Dio è contemporaneamente l'ordinatore dell'universo e il dio di un ordine morale universale.
Rousseau, la vita, il pensiero, i testi esemplari di Claire Salomon- Bayet

Commenti

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Willis George Emerson: Il DIO FUMOSO

Eden: la culla della razza umana
La nostra sorpresa fu indescrivibile quando, nel mezzo di una sala magnifica, regale e grandissima, fummo portati innanzi al Gran Sacerdote, Governatore di tutta quella terra. Era riccamente vestito, era il più alto di tutti quelli che erano intorno a lui, non meno di 4,5 m. L’immensa stanza nella quale ci ricevette, era rifinita in solide lastre d’oro, fittamente ornata da gioielli di sbalorditiva brillantezza. La città di Eden è situata in una bella valle, situata nella montagna più alta, un altopiano del Continente Interno, molto più alta delle montagne circostanti. E’ il posto più bello che abbia mai visto in tutti i miei viaggi. In questo giardino elevato, tutti i generi di frutta, viti, arbusti, alberi e fiori
crescevano in clamorosa abbondanza.
In questo parco, un’enorme fontana artesiana, è la sorgente di quattro fiumi. Si dividevano e fluivano in quattro direzioni. Questo posto è chiamato dagli abitanti “l’ombelico della Terra” o all’inizio, “…

CIAO CUGINO!

anche se, non lo so'
non vorrei, ma pero'
no, non credo proprio che sia cosi
'sarebbe comodo si'
ma io non sono come te
anche se, dove andro'
non sarei, o non saro'
no, questo e' un amore grande si
'vuoi che ti dica cosi'
ma io non sono come te
ciao,
sai cosa ti dico ciao
io posso stare senza te
senza piu' tanti se'
senza tanti ma perche'
senza un amore cosi'
io posso stare si...
ciao,
sai cosa vuol dire ciao
vuol dire un altra come te
e mai piu' tanti se
e mai piu' nessun perche'
ci si illude ancora sioh,
questo e' un amore grande si
vuoi che ti dica cosi'
ma io non sono come te
ciao,
in fondo basta dire che gia'
io sto' meglio senza te
senza piu' tanti se'
senza tanti ma perche'
senza un amore cosi'
io posso fare si...ciao,
sai cosa vuol dire ciao
vuol dire un'altra come te
e mai piu' tanti se'
e mai piu' nessun perche'
senza un amore cosi' io posso stare si...
ci…