Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

CHI ERA GIANGIACOMO CAPROTTI DETTO #SALAI O SALAINO?

Nel 1490, un ragazzo di dieci anni, Gian Giacomo Caprotti, entrò come apprendista nella bottega milanese di Leonardo. Questi lo definì un "bugiardo ostinato e ladro", dandogli l'appellativo di Salai o Salaino (il nome di un demone), eppure tenne questo "demonio" come suo assistente per il resto della vita, elargendogli doni e lasciandogli in eredità parecchi quadri, tra cui la Gioconda. Dopo la morte di Leonardo, Salai si trasferì a Milano, dove nel 1523 si sposò e l'anno seguente morì, forse ucciso dalle truppe francesi di stanza in città. Considerando i difetti del carattere di Salai, deve esserci stato un forte legame perché Leonardo lo tenesse con sé per quasi trent'anni; è stato anche insinuato che fossero amanti ma, in realtà, malgrado una prolungata ricerca, non c'è una prova certa di quale fosse la sessualità di Leonardo; è vero che potrebbe essere stato omosessuale (latente o meno), ma è anche possibile che fosse asessuale; in uno scritto, infatti, L'artista manifesta estrema ripugnanza per l"'atto del coito e le parti che ne sono coinvolte". La sua era una personalità strana, contraddittoria, ed è inutile tentare di etichettarla secondo i termini morali o psicologici convenzionali.
Galleria D'arte Leonardo I maestri della pittura dal Rinascimento ai grandi protagonisti del'arte moderna. Vol.4
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Museo D'Orsay

Visita al museo