Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

CHI ERA GIANGIACOMO CAPROTTI DETTO #SALAI O SALAINO?

Nel 1490, un ragazzo di dieci anni, Gian Giacomo Caprotti, entrò come apprendista nella bottega milanese di Leonardo. Questi lo definì un "bugiardo ostinato e ladro", dandogli l'appellativo di Salai o Salaino (il nome di un demone), eppure tenne questo "demonio" come suo assistente per il resto della vita, elargendogli doni e lasciandogli in eredità parecchi quadri, tra cui la Gioconda. Dopo la morte di Leonardo, Salai si trasferì a Milano, dove nel 1523 si sposò e l'anno seguente morì, forse ucciso dalle truppe francesi di stanza in città. Considerando i difetti del carattere di Salai, deve esserci stato un forte legame perché Leonardo lo tenesse con sé per quasi trent'anni; è stato anche insinuato che fossero amanti ma, in realtà, malgrado una prolungata ricerca, non c'è una prova certa di quale fosse la sessualità di Leonardo; è vero che potrebbe essere stato omosessuale (latente o meno), ma è anche possibile che fosse asessuale; in uno scritto, infatti, L'artista manifesta estrema ripugnanza per l"'atto del coito e le parti che ne sono coinvolte". La sua era una personalità strana, contraddittoria, ed è inutile tentare di etichettarla secondo i termini morali o psicologici convenzionali.
Galleria D'arte Leonardo I maestri della pittura dal Rinascimento ai grandi protagonisti del'arte moderna. Vol.4

Commenti

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…

Rosa Luxemburg: Riforma sociale o rivoluzione?

La teoria revisionista si trova davanti ad un dilemma, O la trasformazione socialista continua ad essere la conseguenza  delle contraddizioni interne dell'ordinamento capitalistico, e allora insieme con quest'ordinamento si sviluppano anche le sue contraddizioni e un crollo, in questa o in quella forma, ne consegue ad un certo momento inevitabile, ma in questo caso i "mezzi di adattamento" sono inefficaci e la teoria del crollo è giusta. Oppure i "mezzi di adattamento" sono realmente in grado di impedire un crollo del sistema capitalistico, e quindi di rendere vitale il capitalismo e di eliminare le sue contraddizioni, ma in questo caso il socialismo cessa di essere una necessità storica, e può essere tutto ciò che si vuole, ma non un risultato dello sviluppo materiale della società. Da questo dilemma ne deriva un altro: o il revisionismo ha ragione a proposito dello sviluppo capitalistico, e allora la trasformazione socialista della società non è più che …