Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

IO SONO UN GATTO


Io sono un gatto

Gli esseri umani sono sempre stati stupidi. È questa la ragione per cui solo di recente hanno cominciato a vantare l'utilità dell'esercizio fisico e i benefici del nuoto e a considerarli una grande invenzione. Tutte cose che io sapevo benissimo già prima di nascere. Innanzitutto basta andare al mare per capire per quale motivo fare una nuotata giovi alla salute. In quell'immensità liquida c'è una quantità innumerevole di pesci, ma nulla prova che uno di loro sia mai caduto malato o abbia dovuto consultare il medico. Tutti nuotano beati in piena salute. Nel caso si ammalino, non riescono più a muoversi e di conseguenza vengono a galla, sempre. Per questo si dice che la morte dei pesci è un'ascenzione mentre quella degli uccelli è una caduta; quanto agli uomini se uno di loro passa a miglior vita si dice semplicemente che è crepato. [...]
In questo ventesimo secolo chi non allena il fisico si crea una pessima reputazione e passa per un pezzente. Di lui si penserà che non ha i mezzi o il tempo di farlo. Verrà bollato come un poveraccio che non dispone della minima libertà. In passato chi faceva movimento veniva preso per il galoppino di un samurai e guardato dall'alto in basso; oggi è il contrario, chi non si esercita viene tenuto in poco conto.


Natsume Sōseki
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna

Fa sempre più freddo. Lucas dice a Yasmine:
-Mathias ha bisogno di vestiti pesanti, e tu anche.
Yasmine dice:
- So lavorare a maglia. Avrei bisogno della lana e dei ferri.
Lucas compra una cesta di gomitoli di lana e ferri da calza di varie dimensioni. Yasmine fa dei maglioni, dei calzettoni, delle sciarpe, dei guanti, dei berretti. Con gli avanzi della lana, confeziona delle coperte di tutti i colori. Lucas le fa i complimenti.
Yasmine dice:
- So anche cucire. A casa avevo la macchina per cucire di mia madre.
A. Kristof, Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna, Einaudi.