Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

IL POTERE



In tutti i casi in cui vi sia la presenza di volontà non soltanto diverse ma contrastanti, si apre un possibile spazio per il potere. Esso diventa reale quando l'opposizione dei fini, così come degli interessi e/o dei valori che ne sono alla base, diventa esplicita.


Il potere è così un fenomeno rintracciabile all'interno di gran parte delle relazioni sociali che quotidianamente instauriamo con i più diversi soggetti, individuali e collettivi. È quanto avviene appena sussista un qualche grado di complementarietà fra i soggetti o una qualche asimmetria nella distribuzione delle risorse. Se Ego ha bisogno di risorse o servizi che solo Alter detiene e può dargli, Alter si trova in una posizione potenziale di potere. Non soltanto può ottenere uno scambio o un contratto favorevole, ma può riuscire a far fare (o a non fare) se non fosse stato in una situazione di bisogno tanto critica.


Da queste brevi considerazioni segue che il potere non è, come nell'immagine diffusa, qualcosa che è esercitato dall'alto o che risiede ai «piani alti». Non è il Potere deificato con la P maiuscola: il Palazzo, lo Stato, il Capitale, l'Impero o Dio. La rappresentazione comune del potere come una realtà pensata in verticale induce in errore. Per capirne la specificità, occorre pensarlo in orizzontale. Due soggetti possono anche essere collocati in verticale, essere ad esempio disposti gerarchicamente – come un capo e un subordinato (un sub-ordinato), un governante e un suddito, un conquistatore e un prigioniero – tuttavia, se tra di essi ha luogo uno scontro di potere, ecco che, per quanto squilibrate siano le risorse di cui dispongono, vengono a disporsi in orizzontale. Come riprova è assai probabile che il forte – il capo, il governante, il conquistatore – reagisca all'insubordinazione (in-subordinazione), cioè all'ardire mostrato dal debole di porsi alla pari, tanto da sfidare la sua superiorità. Ma se il potere va pensato in orizzontale, allora vuol dire che esso promana da entrambe le parti e non da una parte sola, come potrebbe essere se, in verticale, scaturisse dall'alto.


Quando vi è potere vi è opposizione e scontro, attuale o potenziale, di volontà. Dunque quella di potere non è soltanto un'azione, ma anche una relazione sociale: un tipo di relazione sociale distinta dalle altre, per quanto possa essere incapsulata in altri tipi di relazione sociale, in particolare in quella di conflitto, di guerra e, in certi casi, in quella di competizione. Sempre la guerra, spesso il conflitto, a volte la competizione si svolgono tramite azioni e relazioni di potere. Per affermare le proprie visioni, ad esempio della giustizia, due partiti o due candidati potrebbero configgere semplicemente cercando di screditare o demolire con argomenti, razionali o propagandistici, ciascuno la visione dell'altro agli occhi dell'opinione pubblica e dell'elettorato. Può accadere che non basti o che si preferisca seguire un'altra strada: quella del potere. Si faranno circolare sulla stampa notizie infamanti, si monteranno ricatti, si faranno giungere avvertimenti mafiosi, si farà pressione su gruppi di interesse o su soggetti istituzionali perché a loro volta facciano pressione sulla controparte affinché rinunci al proprio progetto o sia costretta a cambiarlo nel senso voluto. In certi casi si ricorrerà alla violenza, aperta o coperta.


Il potere, pertanto, è la relazione sociale in cui le azioni dei soggetti sono volte ad affermare volontà contrarie. Poiché può accadere che nessuno prevalga – che vi sia uno stallo o un armistizio sulle linee del fuoco: potere non equivale sempre a prevalere. Quando è il caso, quando l'azione è efficace, il potere è definibile come l'affermazione della volontà di Ego, che ottiene da Alter il comportamento desiderato, nonostante la sua volontà contraria. Pertanto, il potere è, in generale, l'azione di Ego orientata ad ottenere da Alter il comportamento voluto, nonostante la sua volontà contraria.




Ceri, Sociologia, I soggetti, le strutture, i contesti



Commenti

Post popolari in questo blog

EPILOGO

Egregi spettatori, or non siate scontenti.
Forse v’aspettavate che finisse altrimenti.
Una leggenda d’oro avevamo inventata,
ma poi, strada facendo, in male s’è cambiata.
E sgomenti vediamo a sipario caduto
Che qualunque problema è rimasto insoluto.
Per di più, siete in diritto di dirci:
«Volete che veniamo? Dovete divertirci!»
Inutile inseguire pretesti e schermi vani:
siam falliti se non battete le mani!
Forse che la paura ha spento l’inventiva?
Si è già visto altre volte. Ma un’altra via d’uscita neanche i vostri soldi han saputo ispirarla.
Deve cambiare l’uomo? O il mondo va rifatto?
Ci voglion altri Dei? O nessun Dio affatto?
Siamo annientati, a terra, e non solo per burla!
Né v’è modo d’uscir dalla distretta
se non che voi pensiate sin da stasera stessa
come a un’anima buona si può dare aiuto,
perché alla fine il giusto non sia sempre battuto.
Presto, pensate come ciò sia attuabile!
Una fine migliore ci vuole, è indispensabile!
B. Brecht L’anima buona del Sezuan

CANTO DEL GALLO DEL POSITIVISMO

Storia di un errore
1. Il modo vero, attingibile dal saggio, dal pio, dal virtuoso, - egli vive in esso, lui stesso è questo mondo.
(La forma più antica dell’idea, relativamente intelligente, semplice, persuasiva. Trascrizione della tesi “Io, Platone, sono , la verità”).
2. Il mondo vero, per il momento inattingibile, ma promesso al saggio, al pio, al virtuoso (“al peccatore che fa penitenza”).
(Progresso dell’idea: essa diventa più sottile, più capziosa, più inafferrabile – diventa donna, si cristallizza..).
3. Il mondo vero, inattingibile, indimostrabile, impromettibile, ma già in quanto pensato una consolazione, un obbligo, un imperativo.
(In fondo l’antico sole, ma attraverso nebbia e scetticismo; l’idea sublimata,pallida, nordica, königsbergica).
4. Il mondo vero – inattingibile? Comunque non raggiunto. E in quanto non raggiunto, anche sconosciuto. Di conseguenza neppure consolante, salvifico, vincolante: a che ci potrebbe vincolare qualcosa di sconosciuto?...
(Grigio mattino. Primo sbad…

UNIVERSO CONCENTRAZIONARIO

Da tale premessa si ricava il carattere principale dell’universo concentrazionario, il quale non è una istituzione penale, creata per la punizione e repressione di delitti e crimini, ma piuttosto una struttura politica di sradicamento del tessuto sociale mediante lo strappo e la cancellazione dalla società di interi settori e gruppi.
A ciò si perviene, in primo luogo, attraverso la deportazione in massa e l’internamento di intere minoranze etniche e, inoltre, mediante l’internamento di categorie produttive (ad esempio, i coltivatori in proprio) e professionali (ad esempio, ingegneri, avvocati, militari, medici). In secondo luogo, uno stato complessivo di sradicamento sociale deriva dal trattamento riservato nei campi ai prigionieri. È chiaro che le esecuzioni in massa – nelle camere a gas o per fucilazione o colpo alla nuca o nei forni crematori – cancellano di per sé centinaia di migliaia di persone, e che altre masse umane periscono nei campi per stenti, maltrattamenti, torture. Ma p…