Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

ELISABETTA AMALFITANO: IL PENSIERO PER IMMAGINI


Cinema e filosofia sono per me due modi di rapportarsi al mondo che vanno strettamente uniti, come a dire che l’immagine è pensiero e il pensiero si esprime anche mediante immagini.
Mi piace allora riportare le parole non di un filosofo, ma di un grandissimo regista, Michelangelo Antonioni quando afferma, nel suo film Al di là delle nuvole: «Non crediate che voglia fare filosofia, al contrario sono un uomo visceralmente legato alle immagini», perché mi piacerebbe ancora di più, alla fine di questo mio intervento, poter concludere dicendo: «Faccio filosofia quindi sono una donna visceralmente legata alle immagini». Antonioni si muove all’interno di quella scissione che da sempre la filosofia e i filosofi hanno segnato fra se stessi e l’immagine (artistica, onirica) decretando come pensiero vero soltanto quello razionale. Certo filosofi come Leonardo e poi Giordano Bruno avevano colto ampiamente l’importanza del pensiero per immagini. Non a caso una sola frase di Leonardo ci dice già molto di più delle più aggiornate e sottili indagini filosofiche: «Infinite cose farà il pittore, che le parole non potranno nominare».
Elisabetta Amalfitano Il pensiero per immagini
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna

Fa sempre più freddo. Lucas dice a Yasmine:
-Mathias ha bisogno di vestiti pesanti, e tu anche.
Yasmine dice:
- So lavorare a maglia. Avrei bisogno della lana e dei ferri.
Lucas compra una cesta di gomitoli di lana e ferri da calza di varie dimensioni. Yasmine fa dei maglioni, dei calzettoni, delle sciarpe, dei guanti, dei berretti. Con gli avanzi della lana, confeziona delle coperte di tutti i colori. Lucas le fa i complimenti.
Yasmine dice:
- So anche cucire. A casa avevo la macchina per cucire di mia madre.
A. Kristof, Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna, Einaudi.