Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

EUREKA


Siamo arrivati adesso in un punto in cui l’intelletto è di nuovo costretto a lottare contro la sua propensione per la deduzione analogica; contro la sua mania di agguantare l’infinito. Abbiamo già visto dei satelliti ruotare intorno ai pianeti; e dei pianeti ruotare intorno alle stelle; e il poetico istinto dell’umanità, la sua vocazione per la simmetria, quand’anche essa non fosse che superficiale, questa vocazione, che l’anima non solo dell’Uomo ma di tutti gli esseri creati ha ricavato, fin dal principio, dal fondamento geometrico dell’irraggiamento nell’Universo, ci spinge ad immaginare un’infinita estensione di questo sistema di cicli. Chiudendo i nostri occhi tanto alla deduzione quanto all’induzione, ci ostiniamo a immaginare una rivoluzione di tutti i globi che compongono la Galassia intorno ad un gigantesco globo che riteniamo sia il perno centrale di tutto. Naturalmente immaginiamo che ogni ammasso nel grande gruppo di ammassi sia generato e costruito nello stesso modo; mentre, perché l’«analogia» non faccia difetto in alcun punto, giungiamo a concepire che questi stessi ammassi ruotino intorno a una sfera sempre più colossale; quest’ultima a sua volta, forma con gli ammassi che la circondano una delle sempre più splendide serie di agglomerazioni, e anch’essa ruota intorno a un altro globo che per loro costituisce il centro; un globo sempre più indicibilmente sublime; un globo, per meglio dire, di una sublimità infinita moltiplicata all’infinito per l’infinitamente sublime. Le condizioni, continue in modo perpetuo, del termine che alcuni definiscono «analogia» impongono all’Immaginazione di rappresentare, e alla Ragione di contemplare, se possibile senza sentire insoddisfazione per lo spettacolo. Tali, in generale, sono le serie infinite di circoli che abbiamo imparato dalla Filosofia a concepire e a spiegare, o almeno a tentare di farlo nel miglior modo possibile. Ogni tanto però un vero filosofo, uno di quelli il cui delirio prende una piega ben conosciuta, e il cui genio, per parlare con più riverenza, ha, come per le lavandaie, una tendenza molto pronunciata a sciorinare cose a dozzine, ci mette in grado di vedere precisamente quel punto ormai fuori di vista, in cui i processi di rotazione in questione arrivano, e giustamente, alla fine.
E. A. Poe Eureka

Commenti

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…