Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

PSICOPATOLOGIA DELLE MASSE E ANALISI DELL'IO


Nei capitoli precedenti abbiamo preso come punto di partenza questo fatto fondamentale: che l’individuo che fa parte di un gruppo subisce, sotto la sua influenza, delle profonde trasformazioni riguardanti la sua attività psichica. La sua affettività viene straordinariamente esaltata, la sua attività intellettuale notevolmente ridotta, mentre l’esaltazione dell’una e la riduzione dell’altra si effettuano nel senso di assimilazione dell’individuo a tutti gli altri. E quest’ultimo risultato può essere ottenuto solo con la soppressione di tutti i modi di inibizione propri di ciascuno. Noi sappiamo che questi effetti, spesso poco desiderabili, possono essere neutralizzati, almeno in parte, dall’organizzazione; ma affermando questa possibilità, si lascia intatto il fatto fondamentale, cioè l’esaltazione dell’affettività e l’abbassamento del livello intellettuale degli individui che fanno parte del gruppo primitivo. Si tratta dunque di trovare la spiegazione psicologica di queste modificazioni psichiche che il gruppo imprime all’individuo.
È evidente che i fattori razionali di cui abbiamo parlato prima, cioè l’intimidazione esercitata dal gruppo sull’individuo e, di conseguenza, l’azione dell’istinto di conservazione subita da questi, non sono sufficienti a spiegare i fenomeni osservati. Tutte le spiegazioni che ci sono state proposte da autori che hanno scritto di sociologia e di psicologia collettiva si riducono, in fondo, pur sotto nomi diversi, ad una sola, a quella che si riassume nella magica parola di suggestione. È vero che il Tarde parla di imitazione, ma dobbiamo approvare quello che dice un autore, quando, criticando le sue idee, ci dimostra che l’imitazione cade sotto la categoria della suggestione ed è una conseguenza di questa.
Freud Psicopatologia delle masse e analisi dell’Io

Commenti

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…

GIARDINO DI VALSANZIBIO FAMOSO PER LA SUA SIMBOLOGIA

Il giardino di Villa Barbarigo a Valsanzibio è affascinante per la sua simbologia, è stato ideato dall'architetto e fontaniere Luigi Bernini. Rappresenta il cammino che l'uomo deve percorrere per passare dall'errore alla verità.