Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

IL PRINCIPE


3 E per chiarire meglio questa parte dico come è grandi si debbono considerare in dua modi principalmente: o si governarono in modo, col precedente loro, che si obligano in tutto alla fortuna, o no. Quelli che si obligano e non sieno rapaci, si debbono onorare e amare; quelli che non si obligano si hanno a esaminare in dua modi: o è fanno questo per pusillaminità e difetto naturale d’animo, allora tu te ne debbi servire, massime di quelli che sono di buono consiglio perché nelle prosperità te ne onori e non hai nelle avversità a temere di loro; ma quando è non si obligano per arte e per cagione ambiziosa, è segno come e’ pensano più a sé che a te; e da quelli si debbe el principe guardare e temergli come se fussino scoperti nimici perché sempre nelle avversità aiuteranno ruinarlo.
4 Debbe pertanto, uno che diventi principe mediante el favore del populo, mantenerselo amico, il che gli fia facile non domandando lui se non di non essere oppresso. Ma uno che contro al populo diventi principe con il favore de’ grandi, debbe innanzi a ogni altra cosa cercare di guadagnarsi el populo, il che gli fia facile quando pigli la protezione sua. E perché li uomini, quando hanno bene da chi credevano aver male, si obligano più al benefattore loro, diventa el populo subito più suo benivolo che s’e’ si fussi condotto al principato con e’ favori sua. E puosselo guadagnare el principe in molti modi, e’ quali perché variano secondo el subietto, non se ne può dare certa regula e però si lasceranno indietro. Concluderò solo che a uno principe è necessario avere il populo amico altrimenti non ha, nelle avversità, remedio. Nabide, principe delli spartani, sostenne la ossidione di tutta la Grecia e di uno esercito romano vittoriosissimo e difese contro a quelli la patria sua e il suo stato e gli bastò solo, sopravvenendo el periculo, assicurarsi di pochi; che se gli avessi avuto el populo inimico, questo non li bastava.
N. Machiavelli Il principe

Commenti

Giovenale Nino Sassi ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giovenale Nino Sassi ha detto…
Vengo da casa dell'Arameo dove
ho letto i tuoi commenti, lasciato una breve considerazione che qui, in cas Trutzy, desidero ripetere, confermare.
E cioè:

"Non è un caso se di te ho scritto:
.
Elena è un progetto di donna magnifico. Ama la filosofia, la poesia, l’arte tutta
E’ schietta, sincera…. alla continua ricerca di valori da amare e condividere. Amore per tutto ciò che è vero, buono, giusto che poi è tutto il bello che la vita propone.
La sento come futuro insegnante di lettere e filosofia…e già bacchetta .... da lei è lecito attendersi molto.
.
Ho tanti difetti, Elena, e spesso sbaglio ... ma capisco ancora ciò che è bello."

Vorrei aggiungere altro ( di molto innocente) ma questo spazio a cielo aperto mette imbarazzo.
Giovenale Nino Sassi ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…