Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

ENNEADI


Altri si sollevano un po’ dalla bassura, poiché la parte più nobile dell’anima loro li sospinge dal piacere alla bellezza; ma poiché non riescono a vedere le altezze – privi di altro sostegno cui appoggiarsi – precipitano in basso insieme con la loro decantata virtù all’agire pratico, cioè alla scelta tra le cose vili e basse donde prima avevan pur tentato di sollevarsi. V’è, infine, una terza schiera: uomini divini di più forte vigore e di sguardo più acuto che san vedere, come per una suprema intensità visiva, lo splendore superno e s’innalzano fin lassù quasi al di sopra delle nubi e della caligine terrena ed ivi dimorano disdegnando le cose tutte del mondo e deliziandosi di quel luogo – bene verace e avito – come un uomo che da tanto vagabondaggio abbia fatto ritorno alla patria sua, retta da buone leggi.
Ora, qual è questo luogo? E come vi si può giungere? Può giungervi colui che è di sua natura amante, colui che davvero, per costituzione, originariamente, ha vocazione alla filosofia: amante com’è, egli soffre i dolori del parto di fronte alla bellezza e nonché tenersi soddisfatto della bellezza corporea, s’invola, al contrario, da questa verso la varia bellezza dell’anima: virtù, scienze, costumi, consuetudini; e di qui sale ancora una volta in alto a ciò che è causa di bellezza nell’anima e più su ancora a ciò che lo precede fino a giungere in fondo a quel termine primordiale che è bello di per se stesso; quivi, sì, una volta che sia giunto, può placare il suo travaglio; ma prima giammai.
Plotino, Enneadi

Commenti

Giovenale Nino Sassi ha detto…
Caro Poltino...
insegnami la via del ritorno.
Sto ancora vagabondando.
Cammina, cammina ho smarrito la strada
Dove sono ? che farò adesso ?
In attesa di decidere mi ingrotto e resto tranquillo a riposare. Ripartirò domani ... troverò un sentiero .. quello che sale o quello che scende ?
Plotino !!!

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…

Aspettando Godot Waiting for Godot