Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

AMICIZIA


Allora la scelta di vivere insieme [con gli amici] considerando la questione da un certo punto di vista si potrebbe crederla sciocca: in primo luogo a proposito delle cose che sono comuni anche agli altri animali, come il mangiare insieme e il bere insieme: che differenza c’è, infatti, nel fare queste cose stando vicini o separati, se eccettui il discorrere? D’altra parte, anche partecipare a un discorso di quelli che comunemente si fanno è un altro caso simile; e inoltre per gli amici che siano autosufficienti non è possibile né insegnare, né imparare: infatti chi impara non è lui nella condizione dovuta e se invece insegna non lo è l’amico, ma è amicizia la somiglianza. Eppure è una cosa evidente e tutti proviamo maggiore piacere nel condividere i beni con gli amici, per quanto appartiene a ciascuno e quanto migliore è possibile che sia il bene – senonché con uno degli amici condividiamo il piacere fisico, con un altro la contemplazione dell’arte, con un terzo la filosofia. All’amico deve poi essere dato anche di trovarsi insieme (perciò c’è il detto «gli amici lontani sono una pena»), sicché non bisogna allontanarsi l’uno dall’altro quando questa condizione è data. Di qui si crede anche che l’amore sia simile all’amicizia: l’amante infatti aspira alla convivenza, ma non nel modo che sarebbe più di tutti dovuto, bensì secondo i sensi.
Aristotele Etica Eudemia

Commenti

Giovenale Nino Sassi ha detto…
Stringimi la Mano e Saremo Amici

Se potessi fermare il tempo
lo farei per te amica mia
perchè i tuoi momenti più belli
regalassero ai tuoi giorni
una gioia sempre viva.
Se potessi prendere un arcobaleno
Lo farei proprio per te.
E condividerei con te la sua bellezza,
nei giorni in cui tu fossi malinconica.
Se potessi costruire una montagna,
potresti considerarla
di tua piena proprietà;
un posto dove trovare serenità,
un posto dove stare da soli
e condividere i sorrisi
e le lacrime della vita.
Se potessi prendere i tuoi problemi,
li lancerei nel mare
e farei in modo che si sciogliessero
come il sale.
Ma sto trovando che tutte queste cose
sono impossibili per me.
Non posso fermare il tempo,
costruire una montagna,
o prendere un arcobaleno luminoso.
Ma lasciami essere ciò che so essere di più
semplicemente un amico.
ELENA ha detto…
Ma non un amico qualsiasi, un amico poeta!!!

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Paolo Cognetti: Le otto montagne

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…