Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

UNIVERSO CONCENTRAZIONARIO


Da tale premessa si ricava il carattere principale dell’universo concentrazionario, il quale non è una istituzione penale, creata per la punizione e repressione di delitti e crimini, ma piuttosto una struttura politica di sradicamento del tessuto sociale mediante lo strappo e la cancellazione dalla società di interi settori e gruppi.
A ciò si perviene, in primo luogo, attraverso la deportazione in massa e l’internamento di intere minoranze etniche e, inoltre, mediante l’internamento di categorie produttive (ad esempio, i coltivatori in proprio) e professionali (ad esempio, ingegneri, avvocati, militari, medici). In secondo luogo, uno stato complessivo di sradicamento sociale deriva dal trattamento riservato nei campi ai prigionieri. È chiaro che le esecuzioni in massa – nelle camere a gas o per fucilazione o colpo alla nuca o nei forni crematori – cancellano di per sé centinaia di migliaia di persone, e che altre masse umane periscono nei campi per stenti, maltrattamenti, torture. Ma più e oltre che dalla morte fisica, è dall’esistenza quotidiana dei sopravvissuti che si coglie il senso “politico” del sistema concentrazionario.
Lo spettacolo continuo dell’altrui morte e la continua aspettazione della propria; il ricorso ininterrotto a tecniche di avvilimento e di amalgama; le detenzioni «senza diritto di corrispondenza»; la convivenza dentro le stesse baracche, di “politici”, innocenti e nuclei di criminali comuni ai quali sono riconosciuti “privilegi” e “funzioni superiori” nei confronti degli altri detenuti, sottoposti senza alcuna possibilità di difesa a vessazioni e prepotenze al punto che, operando simultaneamente, congiura alla perdita di identità psico-affettiva e coscienziologica del prigioniero e alla sua alienazione totale.
D. Fisichella Totalitarismo

Commenti

Giovenale Nino Sassi ha detto…
Sorseggio il tuo Blog.
Ti lascio un pensiero per quando arriva la solitudine.
--------------------------

Sposta le tende, amica di Dio e amica mia... calpesta l'erba, attendi la notte che viene al tramontare del sole, e sui tuoi passi, alla luce dei lampioni potrai intravedere l'ombra di un tu fare compagnia alla tua solitudine...
Anonimo ha detto…
Non ho ancora capito che minkia è universo concentrazionario!
Elena Ambrosini ha detto…
Caro anonimo che ti presenti con tanta galanteria, come è spiegato nella citazione l'universo concentrazionario è la volontà di cancellare interi gruppi o settori della società attraverso la deportazione e l'annientamento. Sicuramente a scuola avrai sentito parlare di deportazione degli ebrei.

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Willis George Emerson: Il DIO FUMOSO

Eden: la culla della razza umana
La nostra sorpresa fu indescrivibile quando, nel mezzo di una sala magnifica, regale e grandissima, fummo portati innanzi al Gran Sacerdote, Governatore di tutta quella terra. Era riccamente vestito, era il più alto di tutti quelli che erano intorno a lui, non meno di 4,5 m. L’immensa stanza nella quale ci ricevette, era rifinita in solide lastre d’oro, fittamente ornata da gioielli di sbalorditiva brillantezza. La città di Eden è situata in una bella valle, situata nella montagna più alta, un altopiano del Continente Interno, molto più alta delle montagne circostanti. E’ il posto più bello che abbia mai visto in tutti i miei viaggi. In questo giardino elevato, tutti i generi di frutta, viti, arbusti, alberi e fiori
crescevano in clamorosa abbondanza.
In questo parco, un’enorme fontana artesiana, è la sorgente di quattro fiumi. Si dividevano e fluivano in quattro direzioni. Questo posto è chiamato dagli abitanti “l’ombelico della Terra” o all’inizio, “…

Aspettando Godot Waiting for Godot