Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

NON COMMETTERE INGIUSTIZIA O EMPIETA'


Non c’è uomo che possa salvarsi quando si opponga sinceramente non dico a voi ma ad una qualunque altra moltitudine, e cerchi di impedire che troppe volte nella città si commettano ingiustizie e si trasgredisca la legge; e anzi è necessario che chi davvero combatte in difesa del giusto, se voglia scampare dalla morte anche per breve tempo, viva da privato e non eserciti pubblici uffici.
E di questo che dico posso recarvi io medesimo grandi prove; e non parole, ma ciò che voi apprezzate di più, fatti. Ascoltate dunque quello che è capitato a me; e vedrete che di fronte al giusto io non sono uomo da cedere per paura della morte a nessuno; e che, pur di non cedere sono pronto anche a morire. E vi parlerò un po’ grossolanamente, come alcuni che praticano tribunali, ma con verità. Voi sapete, o Ateniesi, che io non ho mai esercitato nella città nostra nessun’altra magistratura se non una volta che feci parte del Consiglio; e si dette la combinazione che proprio il giorno in cui volevate giudicare in blocco, contro la legge, - e in seguito poi foste tutti del mio parere, - quei dieci capitani che non avevano raccolto i naufraghi e i morti dopo la battaglia navale delle Arginuse, esercitassero uffici di Prìtani, mi opposi perché non faceste nulla contro la legge; e votai contro. E c’erano i soliti oratori già pronti a sospendermi dall’ufficio e a trascinarmi in carcere; e voi a incitarli e a gridare: e io pensai che era mio dovere correre piuttosto quel rischio tenendomi dalla parte della legge e della giustizia, anziché rimanere con voi a deliberare l’ingiusto per paura del carcere e della morte. E questo accadde che la città si reggeva ancora a democrazia. Quando poi ci fu la oligarchia, ecco che un giorno i Trenta mi mandarono a chiamare con altri quattro, ci fecero venire nella sala del Tolo, e ci ordinarono di condurre via da Salamina Leonte di Salamina affinché morisse. E di simili ordini ne davano parecchi costoro a parecchia gente, volendo coinvolgere nelle loro scelleratezze quante più persone potevano. E anche allora io, non a parole ma a fatti, feci vedere che della morte – se l’espressione non è volgare troppo – non me ne importa proprio un bel niente; ma di non commettere ingiustizia o empietà, questo mi importa sopra a tutto. E quel governo, per quanto fosse prepotente, non mi sgomentò affatto così da indurmi a commettere un’azione ingiusta; e quando uscimmo dalla sala del Tolo, gli altri quattro andarono a Salamina e condussero via Leonte, io li lasciai andare e tornai a casa. E credo che per questo fatto io ero già morto, se poi quel governo non fosse stato buttato giù dopo poco. E di questo che dico avrete molti testimoni.
Platone Apologia di Socrate

Commenti

Anonimo ha detto…
....il brutto è quando si subiscono ingiustizie......e purtroppo non si può fare niente per risolvere la situazione......che vita di merda!

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Willis George Emerson: Il DIO FUMOSO

Eden: la culla della razza umana
La nostra sorpresa fu indescrivibile quando, nel mezzo di una sala magnifica, regale e grandissima, fummo portati innanzi al Gran Sacerdote, Governatore di tutta quella terra. Era riccamente vestito, era il più alto di tutti quelli che erano intorno a lui, non meno di 4,5 m. L’immensa stanza nella quale ci ricevette, era rifinita in solide lastre d’oro, fittamente ornata da gioielli di sbalorditiva brillantezza. La città di Eden è situata in una bella valle, situata nella montagna più alta, un altopiano del Continente Interno, molto più alta delle montagne circostanti. E’ il posto più bello che abbia mai visto in tutti i miei viaggi. In questo giardino elevato, tutti i generi di frutta, viti, arbusti, alberi e fiori
crescevano in clamorosa abbondanza.
In questo parco, un’enorme fontana artesiana, è la sorgente di quattro fiumi. Si dividevano e fluivano in quattro direzioni. Questo posto è chiamato dagli abitanti “l’ombelico della Terra” o all’inizio, “…

Gadamer: l'ermeneutica