Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

EMMANUEL MOUNIER


3 gennaio 1934


L’angoscia, talvolta, si serve di noi: te l’ho detto. Ci sono dei momenti in cui anche i santi, improvvisamente, dubitano di tutto: del loro amore e di Dio. Nessuna luce ci può essere data senza questa notte. Il Cristo ha sperimentato in una sola notte di angosce e di dubbi («Padre, Padre perché mi hai abbandonato?») tutte le nostre notti oscure.
Non si è veramente grandi…fino a quando la vita non ci mette alla prova rifiutandoci nettamente, senza appello, qualcosa cui si aspira con tutto il proprio essere. [a Paulette Leclercq]


24 aprile 1934


Questa stupida cosa con cui ci si scontra sempre: non poter amare abbastanza da ottenere il miracolo. [a Paulette Leclercq]
Emmanuel Mounier Lettere sul dolore

Commenti

Anonimo ha detto…
é proprio vero

Post popolari in questo blog

REGGIA DI VENARIA REALE

Paolo Cognetti: Le otto montagne

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…