Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

ESPERIENZA ESTETICA



Una analisi approfondita dalle origini e degli effetti psicologici del gioco da una parte, dell’arte dall’altra porta alle stesse conclusioni. Il gioco ci offre una diversione e una ricreazione ma ha anche un diverso fine. Ha un significato biologico generale perché anticipa attività future e prepara ad esse. È stato spesso rilevato che il gioco del bambino ha il valore di una propedeutica.

Il ragazzo che gioca alla guerra e la bambina che veste la bambola si preparano già, in un certo modo, ad altri e più seri compiti. Non si può presentare in questi termini la funzione dell’arte. Nell’arte non si ha né una diversione né una preparazione. Alcuni moderni studiosi di estetica hanno ritenuto necessario distinguere nettamente due tipi di bellezza. L’una è la bellezza della «grande arte», l’altra l’hanno definita la «bellezza facile». Il godimento che l’arte procura non è un rilassamento, non deriva da una distensione ma dall’intensificazione di tutte le facoltà. La diversione favorita dal gioco è proprio l’opposto di ciò che è richiesto dalla contemplazione e dalla esperienza estetica. Nel punto in cui non ci riesce di concentrarci e ci abbandoniamo ad un semplice gioco di sensazioni e di sentimenti gradevoli e ad associazioni mentali l’opera d’arte in quanto tale ci sfugge.
Ernest Cassirer Saggio sull’uomo
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paolo Cognetti: Le otto montagne

REGGIA DI VENARIA REALE

Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna

Fa sempre più freddo. Lucas dice a Yasmine:
-Mathias ha bisogno di vestiti pesanti, e tu anche.
Yasmine dice:
- So lavorare a maglia. Avrei bisogno della lana e dei ferri.
Lucas compra una cesta di gomitoli di lana e ferri da calza di varie dimensioni. Yasmine fa dei maglioni, dei calzettoni, delle sciarpe, dei guanti, dei berretti. Con gli avanzi della lana, confeziona delle coperte di tutti i colori. Lucas le fa i complimenti.
Yasmine dice:
- So anche cucire. A casa avevo la macchina per cucire di mia madre.
A. Kristof, Trilogia della città di K. Il grande quaderno la prova La terza menzogna, Einaudi.