Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

SULL'OSPITALITA'




Ci sarebbe un’antinomia, un’antinomia insolubile, un’antinomia non dialettizzabile tra La legge dell’ospitalità da una parte, la legge incondizionata dell’ospitalità illimitata (offrire a chi giunge la propria casa e il proprio sé, offrirgli ciò che ci appartiene senza domandargli nome o contropartita, senza che sottostia ad alcuna condizione) e, dall’altra parte, le leggi dell’ospitalità, i diritti e i doveri sempre condizionati e condizionanti, così come li definisce la tradizione greco-latina, ovvero giudaico-cristiana, tutto il diritto e la filosofia del diritto fino a Kant e Hegel in particolare, attraverso la famiglia, la società civile e lo Stato………La tragedia, poiché di fatale tragedia si tratta, è che i due termini antagonisti di tale antinomia non sono simmetrici. Esiste qui una strana gerarchia. La legge sta al di sopra delle leggi. Quindi è illegale, trasgressiva, fuorilegge, come una legge anomica, nomos a-nomos, legge al di sopra delle leggi e legge fuorilegge (anomos, ricordiamo: è così che viene designato Edipo, il padre-figlio, il figlio come padre e fratello delle sue figlie)………Consideriamo innanzi tutto la distinzione tra l’ospitalità incondizionata e, d’altro canto, i diritti e i doveri che condizionano l’ospitalità. Lungi dal paralizzare il desiderio o distruggere l’esigenza di ospitalità, tale distinzione ci costringe a determinare ciò che in linguaggio kantiano potremmo chiamare (in modo approssimativo e analogico, poiché in senso stretto sono invece esclusi dal caso, e dobbiamo meditare su questa esclusione) degli schemi intermedi. Tra una legge incondizionata o un desiderio assoluto di ospitalità da una parte e, dall’altra, un diritto, una politica, un’etica condizionati, c’è distinzione, eterogeneità radicale, ma anche indissolubilità. L’una richiama, implica o prescrive l’altra…………Tutti gli esempi fin qui trascelti hanno messo in luce la stessa predominanza nella struttura del diritto dell’ospitalità e del rapporto con lo straniero, ospite o nemico che sia. Si tratta di un modello coniugale, paterno e fallogocentrico. È il despota della famiglia, il padre, il marito e padrone, il capo di casa a fare le leggi dell’ospitalità. Le rappresenta e vi si piega per piegare anche gli altri nella violenza del potere d’ospitalità, nella potenza dell’ipseità che analizziamo da qualche settimana.

Jacques Derrida Anne Dufourmantelle Sull’ospitalità

Commenti

Post popolari in questo blog

I SIMBOLI SESSUALI NEI SOGNI INDIVIDUATI DA FREUD

Benché lo studio dei simboli del sogno non sia affatto completo, siamo in grado di esporre con certezza delle affermazioni generali e delle informazioni particolari sull'argomento. Ci sono simboli che hanno un significato unico quasi universalmente: così l'imperatore o l'imperatrice (il re o la regina), rappresentano i genitori, le stanze rappresentano le donne e le loro entrate e uscite gli orifizi del corpo. La maggior parte dei simboli del sogno serve a rappresentare persone, parti del corpo e attività di interesse erotico; in particolare i genitali sono rappresentati da numerosi simboli spesso sorprendenti, e la più grande varietà di oggetti serve ad indicarli simbolicamente. Armi appuntite, oggetti lunghi e rigidi, come tronchi e bastoni, rappresentano l'organo genitale maschile; mentre armadi, scatole, carrozze e forni rappresentano l'utero. In tali casi il tertium comparationis, l'elemento comune in queste sostituzioni, è immediatamente comprensibile, ma…

Jaques Derrida: Resistenze sul concetto di analisi

Perché e come questa parola (resistenza)  che risuonò dapprima nel mio desiderio e nella mia immaginazione come la più bella parola della politica e della storia di questo paese, perché questa parola carica di tutto il pathos della mia nostalgia, come se ciò che a nessun costo avrei voluto perdere fosse stato di fare saltare dei treni, dei tanks e degli stati maggiori tra il 1940 e il 1945, perché questa parola ha cominciato ad attrarre verso sé, come una calamita, tanti altri significati, virtù, possibilità semantiche o disseminali? Vi sto per dire quali, anche se non posso scoprire il segreto della mia nostalgia inconsolabile –che resta quindi da analizzare o che resiste all’analisi, un po’come l’ombelico di un sogno. Perché ho sempre sognato la resistenza? E perché ci si dovrebbe preoccupare qui di un ombelico [ombilic]? Tutto sembra annunciare, ma non preoccupatevi troppo, una conferenza sulla parola «resistenza», uno sguardo compiaciuto e narcisista [nombrilique] su una parola m…

Rosa Luxemburg: Riforma sociale o rivoluzione?

La teoria revisionista si trova davanti ad un dilemma, O la trasformazione socialista continua ad essere la conseguenza  delle contraddizioni interne dell'ordinamento capitalistico, e allora insieme con quest'ordinamento si sviluppano anche le sue contraddizioni e un crollo, in questa o in quella forma, ne consegue ad un certo momento inevitabile, ma in questo caso i "mezzi di adattamento" sono inefficaci e la teoria del crollo è giusta. Oppure i "mezzi di adattamento" sono realmente in grado di impedire un crollo del sistema capitalistico, e quindi di rendere vitale il capitalismo e di eliminare le sue contraddizioni, ma in questo caso il socialismo cessa di essere una necessità storica, e può essere tutto ciò che si vuole, ma non un risultato dello sviluppo materiale della società. Da questo dilemma ne deriva un altro: o il revisionismo ha ragione a proposito dello sviluppo capitalistico, e allora la trasformazione socialista della società non è più che …