Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

SOCRATE E LA POLITICA







"La sua reiterata affermazione di non essersi mai occupato degli affari dello Stato, ma di voler vivere da privato cittadino, poggia sulla costatazione che non è possibile operare da uomo giusto e virtuoso se ci si occupa di politica. Gli affari dello stato sono in mano a persone incompetenti e ignoranti, come egli rileva non senza ironia, quando, riferendo dell'interrogatorio agli uomini politici, allude chiaramente alla classe politica attuale. Gli uomini politici quindi posseggono una presunta sapienza e sono privi invece di quella competenza tecnica e morale insieme, necessaria al buon andamento dello Stato.........un esperto della vera arte politica è destinato all'insuccesso, perchè la persuasione nei tribunali può essere ottenuta soltanto mediante l'arte retorica che si fonda su discorsi seducenti, adulatori, ma non veri."
A. M. Ioppolo Introduzione a Apologia di Socrate
Posta un commento

Post popolari in questo blog

REGGIA DI VENARIA REALE

Museo D'Orsay

Visita al museo

Paolo Cognetti: Le otto montagne