Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

COME UN MECENATE CORROMPE IL CUORE DI UN GIOVANE POETA. BALZAC "LE ILLUSIONI PERDUTE"


Durante quella serata lo spirito della signora di Bargeton operò grandi distruzioni in ciò che lei chiamava i pregiudizi di Lucien. A sentirla, gli uomini di talento non avevano né fratelli, né sorelle, né padre, né madre; le grandi opere che erano destinati a edificare li votavano a un  apparente egoismo, costringendoli a sacrificare tutto alla loro grandezza. Se la famiglia soffriva in un primo tempo per le divoranti esazioni percepite da un cervello gigantesco, più tardi, partecipando al frutto della vittoria, riceveva centuplicato il prezzo dei sacrifici d’ogni genere richiesti dalle prime battaglie d’una regalità contrastata. Il genio non dipendeva che da se stesso; era l’unico giudice dei propri mezzi, giacché lui solo conosceva il fine: doveva dunque mettersi al di sopra delle leggi, dal moment o che era chiamato a rifarle; e inoltre, chi s’impadronisce del proprio secolo può tutto prendere, tutto rischiare, giacché tutto è suo. Ella citava gli inizi della vita di Bernard de Palissy, Luigi XI, Fox, Napoleone, Cristoforo Colombo, Cesare, di tutti gli illustri giocatori dapprincipio carichi di debiti, o poverissimi, incompresi, ritenuti pazzi, pessimi figli, pessimi padri, pessimi fratelli, più tardi divenuti l’orgoglio della famiglia, della patria, del mondo. Tali ragionamenti si trovavano nei vizi segreti di Lucien e facevano progredire la corruzione del suo cuore; giacché nell’ardore dei suoi desideri, egli ammetteva i mezzi a priori. Ma non riuscire è un delitto di lesa maestà sociale. Un vinto non ha forse assassinato tutte le virtù borghesi su cui posa la società, la quale scaccia con orrore Mario, seduto davanti alle proprie rovine? Lucien, che non sapeva di trovarsi tra l’infamia dei penitenziari e le palme del genio, aleggiava sul Sinai dei profeti, senza vedere in basso il Mar Morto, l’orribile sudario di Gomorra.
Balzac Le illusioni perdute
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE