Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

VISUALIZZAZIONI BLOG

IO SONO UN GATTO

Io sono un gatto
Gli esseri umani sono sempre stati stupidi. È questa la ragione per cui solo di recente hanno cominciato a vantare l'utilità dell'esercizio fisico e i benefici del nuoto e a considerarli una grande invenzione. Tutte cose che io sapevo benissimo già prima di nascere. Innanzitutto basta andare al mare per capire per quale motivo fare una nuotata giovi alla salute. In quell'immensità liquida c'è una quantità innumerevole di pesci, ma nulla prova che uno di loro sia mai caduto malato o abbia dovuto consultare il medico. Tutti nuotano beati in piena salute. Nel caso si ammalino, non riescono più a muoversi e di conseguenza vengono a galla, sempre. Per questo si dice che la morte dei pesci è un'ascenzione mentre quella degli uccelli è una caduta; quanto agli uomini se uno di loro passa a miglior vita si dice semplicemente che è crepato. [...] In questo ventesimo secolo chi non allena il fisico si crea una pessima reputazione e passa per un pezzente. Di l…

GIUSEPPE VERDI: LA TRAVIATA

LO SCANDALO DELLE CAMELIE



Fiori, infiora, rifiorirà ... C'è tutto un microcosmo di termini floreali che arreda il mondo chiuso della Traviata, forse l'opera più popolare di Verdi, la cui protagonista, non dimentichiamolo, di nome fa Violetta e ha per amica Flora. E poi ci sono le rose, che entrano in scena quando la gracile traviata, ormai morente, sussurra con un filo di voce "Le rose del volto già son pallenti". E le camelie che campeggiano nel titolo di Alexandre Dumas, La Dame aux camélie (dove la protagonista si chiama Margherita), scelto da Verdi insieme al librettista Francesco Maria Piave nel 1853 come soggetto per la sua diciannovesima opera in quattordici anni, un'opera che all'epoca avrebbe scandalizzato le platee, e per questo fu ostacolata in tutti i modi dalla censura. Scandalosa contemporaneetà. Dunque Traviata si ambienta fra odori di mobiluio per bene, fruscii di tessuti ricamati e fiori destinati ad appassire. Un mondo decadente, o crepuscolar…