Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

ELISABETTA AMALFITANO: IL PENSIERO PER IMMAGINI


Cinema e filosofia sono per me due modi di rapportarsi al mondo che vanno strettamente uniti, come a dire che l’immagine è pensiero e il pensiero si esprime anche mediante immagini.
Mi piace allora riportare le parole non di un filosofo, ma di un grandissimo regista, Michelangelo Antonioni quando afferma, nel suo film Al di là delle nuvole: «Non crediate che voglia fare filosofia, al contrario sono un uomo visceralmente legato alle immagini», perché mi piacerebbe ancora di più, alla fine di questo mio intervento, poter concludere dicendo: «Faccio filosofia quindi sono una donna visceralmente legata alle immagini». Antonioni si muove all’interno di quella scissione che da sempre la filosofia e i filosofi hanno segnato fra se stessi e l’immagine (artistica, onirica) decretando come pensiero vero soltanto quello razionale. Certo filosofi come Leonardo e poi Giordano Bruno avevano colto ampiamente l’importanza del pensiero per immagini. Non a caso una sola frase di Leonardo ci dice già molto di più delle più aggiornate e sottili indagini filosofiche: «Infinite cose farà il pittore, che le parole non potranno nominare».
Elisabetta Amalfitano Il pensiero per immagini
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE