Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

CHI ERA GIANGIACOMO CAPROTTI DETTO #SALAI O SALAINO?

Nel 1490, un ragazzo di dieci anni, Gian Giacomo Caprotti, entrò come apprendista nella bottega milanese di Leonardo. Questi lo definì un "bugiardo ostinato e ladro", dandogli l'appellativo di Salai o Salaino (il nome di un demone), eppure tenne questo "demonio" come suo assistente per il resto della vita, elargendogli doni e lasciandogli in eredità parecchi quadri, tra cui la Gioconda. Dopo la morte di Leonardo, Salai si trasferì a Milano, dove nel 1523 si sposò e l'anno seguente morì, forse ucciso dalle truppe francesi di stanza in città. Considerando i difetti del carattere di Salai, deve esserci stato un forte legame perché Leonardo lo tenesse con sé per quasi trent'anni; è stato anche insinuato che fossero amanti ma, in realtà, malgrado una prolungata ricerca, non c'è una prova certa di quale fosse la sessualità di Leonardo; è vero che potrebbe essere stato omosessuale (latente o meno), ma è anche possibile che fosse asessuale; in uno scritto, infatti, L'artista manifesta estrema ripugnanza per l"'atto del coito e le parti che ne sono coinvolte". La sua era una personalità strana, contraddittoria, ed è inutile tentare di etichettarla secondo i termini morali o psicologici convenzionali.
Galleria D'arte Leonardo I maestri della pittura dal Rinascimento ai grandi protagonisti del'arte moderna. Vol.4
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE