Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

FOTO DI GRUPPO CON SIGNORA

Ah, cosa non abbiamo fatto, noi – e per noi intendo Heinrich, Margret ed io – perché tra quei due la cosa andasse in porto! Consideri che il tempo era scarso: tra il maggio del '39 e l'aprile del '40 lui sarà stato qui non più di otto volte. Naturalmente Heinrich ed io non ne parlavamo espressamente, ci si intendeva solo a occhiate perché vedevamo benissimo come quei due fossero cotti l'uno dell'altro. Era una dolcezza, sì, lo ripeto, una dolcezza vedere quei due, e forse non c'è poi da compiangerli troppo se non hanno dormito insieme. Io procuravo loro i biglietti per il cinema, per dei film di merda come Camerati sul mare o delle idiozie assolute come Attenzione, il nemico ti ascolta, li ho persino mandati a vedere quel famoso film su Bismark perché pensavo: Cavolo il programma dura tre ore, là dentro si sta al calduccio e al buio come nel ventre materno, e certo si terranno la manina e forse gli viene persino l'idea (risata molto amara! Nota dell'A.) di scambiarsi un bacetto, e una volta arrivati a quel punto ...andranno pure avanti, no? Ma no, pare proprio di no. Lui l'ha portata al museo e le ha spiegato come si distingue un Bosch autentico da un Bosch falso, ha cercato di farle suonare Mozart invece che strimpellare Schubert, le ha dato da leggere poesie, immagino fosse Rilke, ormai chi se lo ricorda?, e poi finalmente ha fatto una cosa che ha sprizzato scintille: ha scritto delle poesie di tipo melanconico, - posso negarlo senz'altro, devo pur saperlo no?, e non avrei nessun motivo per negarlo.

H. Böll Foto di gruppo con signora
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE