Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

VISUALIZZAZIONI BLOG

FILM: MISERIA E NOBILTA'-SCENA DEGLI SPAGHETTI

MI E' CAPITATO DI ASSISTERE A SCENE SIMILI A QUESTA.NON C'E' NIENTE DI MALE AD ESSERE POVERI, L'IMPORTANTE E' ESSERE ONESTI!IO ATTUALMENTE PURTOPPO SONO DISOCCUPATA (ANCHE SE NON STO SENZA FARE NIENTE IN QUANTO STO CONCLUDENDO L'ULTIMO ANNO DELLA SSIS) MA RITENGO CHE SIA PIU' DIGNITOSO PRESENTARMI COME TALE PIUTTOSTO CHE SPACCIARMI PER UNA DONNA IN CARRIERA!

IL POTERE

In tutti i casi in cui vi sia la presenza di volontà non soltanto diverse ma contrastanti, si apre un possibile spazio per il potere. Esso diventa reale quando l'opposizione dei fini, così come degli interessi e/o dei valori che ne sono alla base, diventa esplicita.

Il potere è così un fenomeno rintracciabile all'interno di gran parte delle relazioni sociali che quotidianamente instauriamo con i più diversi soggetti, individuali e collettivi. È quanto avviene appena sussista un qualche grado di complementarietà fra i soggetti o una qualche asimmetria nella distribuzione delle risorse. Se Ego ha bisogno di risorse o servizi che solo Alter detiene e può dargli, Alter si trova in una posizione potenziale di potere. Non soltanto può ottenere uno scambio o un contratto favorevole, ma può riuscire a far fare (o a non fare) se non fosse stato in una situazione di bisogno tanto critica.

Da queste brevi considerazioni segue che il potere non è, come nell'immagine diffusa, qualcosa ch…

GRAZIE PER LE 10000 VISITE!

L'ESSERE HA BISOGNO DELL'UOMO

Il mondo non può essere ciò che è e come è, grazie all’uomo, ma neppure senza l’uomo. Ciò dipende a mio parere dal fatto che quello che io, con una parola di lunghissima tradizione e dai molti significati ed ora in disuso, chiamo «l’essere», ha bisogno dell’uomo per la sua rivelazione, custodia e configurazione. L’essenza della tecnica io la vedo in ciò che chiamo l’ «im-pianto», un’espressione spesso derisa e forse poco elegante. Il dominio dell’«impianto» significa: l’uomo è collocato, impegnato e provocato da una potenza che diviene palese nell’essenziare della tecnica e che egli stesso non signoreggia. Far capire questo: di più il pensiero non pretende. La filosofia è alla fine.
M. Heidegger Ormai solo un Dio ci può salvare