Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

GRAMMATICA DEL VEDERE

(C) BY WEBCOLORGRAFICA


Una scienza della percezione può aver inizio soltanto nel momento in cui si chiede perché e come l’ambiente nel quale viviamo si articola per noi in oggetti distinti l’uno dall’altro, e perché esso si articola proprio in quegli oggetti, i quali possiedono proprio quelle date caratteristiche di forma, di colore, di grandezza, di odore, di durezza, che sono posti ad una certa distanza da noi, che si muovono a varie velocità o stanno completamente immobili, e così via. Per il senso comune è veramente difficile rendersi conto che simili domande possano sensatamente venir poste; infatti la risposta ovvia sembra essere: «il mondo è fatto di tanti oggetti e cose, noi apriamo gli occhi e ce li troviamo lì fuori davanti a noi, con tutte le loro proprietà (a patto naturalmente che siano illuminanti e che non siano troppo lontani da noi)». Si tratterà semmai di capire il funzionamento esatto degli organi di senso che di volta in volta registrano tale realtà esterna, di determinare il loro grado di precisione e di sensibilità, la loro rapidità di reazione e così via.
G. Kanizsa Grammatica del vedere
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE