Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

LA POLITICA IN GRECIA


La parola politeía indica in greco tre cose che in apparenza sono distinte: il regime politico, il corpo civico e il diritto di cittadinanza. Ciò può sembrare strano a chi vive in società industrializzate in cui non c’è un nesso preciso tra il diritto di cittadinanza e il regime politico; in cui vi è una parte dei cittadini dedita di fatto “professionalmente” all’attività politica, mentre la maggioranza vi è coinvolta solo di tanto in tanto (a meno che non si inserisca in quegli organismi istituzionali che sono i partiti, specialmente i grandi partiti di massa) e soprattutto non partecipa alla gestione diretta del potere decisionale. Nelle poleis elleniche, democratiche o oligarchiche che fossero, appartenenza al corpo civico, diritto di cittadinanza e tipo di regime politico sono in rapporto strettissimo e per questo era usato lo stesso termine, anche nello stesso contesto. Dice Isocrate nell’Areopagitico:
…solo la politeía è l’anima della città, e ha tanto potere quanto ne ha la mente nel corpo. Proprio il corpo civico (politeía) delibera intorno a ogni questione e si fa custode di ciò che è buono, mentre evita i mali. È inevitabile che sia le leggi, che gli oratori, che i privati cittadini si modellino su di questo e che ciascuno viva bene o male a seconda del tipo di ordinamento costituzionale (politeía) che ha.[1]
C. Ampolo La politica in Grecia
[1] Isocrate, Areopagitico 14.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE