Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

IL VIAGGIO DI TEO




Il Dio padre del Giappone si chiamava Izanagi, e la Dea madre Izanami. All’epoca in cui la terra non esisteva ancora, la comunità degli Dei li aveva spinti sul ponte formato da un arcobaleno perché creassero il Giappone. Il giovane Izanagi era così bello che Izanami si era fermata sulla sommità dell’arco trasparente e multicolore per dirgli: «Vuoi sposarmi?» Si erano uniti, ma, con loro grande sorpresa, i loro primi figli erano tutte creature mostruose: meduse, polpi e altri esseri viscidi. Era un disastro.
Disperate, le due divinità erano risalite nel mondo celeste, da cui gli Dei le avevano respinte di nuovo sull’arcobaleno, con la preghiera di volersi comportare secondo le leggi della natura. Allora, giunto al centro del ponte, Izanagi si era fermato, chiedendo alla Dea: «Vuoi sposarmi?» E poiché stavolta l’elemento maschile aveva svolto il suo ruolo nei confronti di quello femminile, Izanami aveva dato alla luce i figli più splendidi che si potessero desiderare: le isole del Giappone.
Catherine Clément Il viaggio di Teo









1 commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE