Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

EUREKA


Siamo arrivati adesso in un punto in cui l’intelletto è di nuovo costretto a lottare contro la sua propensione per la deduzione analogica; contro la sua mania di agguantare l’infinito. Abbiamo già visto dei satelliti ruotare intorno ai pianeti; e dei pianeti ruotare intorno alle stelle; e il poetico istinto dell’umanità, la sua vocazione per la simmetria, quand’anche essa non fosse che superficiale, questa vocazione, che l’anima non solo dell’Uomo ma di tutti gli esseri creati ha ricavato, fin dal principio, dal fondamento geometrico dell’irraggiamento nell’Universo, ci spinge ad immaginare un’infinita estensione di questo sistema di cicli. Chiudendo i nostri occhi tanto alla deduzione quanto all’induzione, ci ostiniamo a immaginare una rivoluzione di tutti i globi che compongono la Galassia intorno ad un gigantesco globo che riteniamo sia il perno centrale di tutto. Naturalmente immaginiamo che ogni ammasso nel grande gruppo di ammassi sia generato e costruito nello stesso modo; mentre, perché l’«analogia» non faccia difetto in alcun punto, giungiamo a concepire che questi stessi ammassi ruotino intorno a una sfera sempre più colossale; quest’ultima a sua volta, forma con gli ammassi che la circondano una delle sempre più splendide serie di agglomerazioni, e anch’essa ruota intorno a un altro globo che per loro costituisce il centro; un globo sempre più indicibilmente sublime; un globo, per meglio dire, di una sublimità infinita moltiplicata all’infinito per l’infinitamente sublime. Le condizioni, continue in modo perpetuo, del termine che alcuni definiscono «analogia» impongono all’Immaginazione di rappresentare, e alla Ragione di contemplare, se possibile senza sentire insoddisfazione per lo spettacolo. Tali, in generale, sono le serie infinite di circoli che abbiamo imparato dalla Filosofia a concepire e a spiegare, o almeno a tentare di farlo nel miglior modo possibile. Ogni tanto però un vero filosofo, uno di quelli il cui delirio prende una piega ben conosciuta, e il cui genio, per parlare con più riverenza, ha, come per le lavandaie, una tendenza molto pronunciata a sciorinare cose a dozzine, ci mette in grado di vedere precisamente quel punto ormai fuori di vista, in cui i processi di rotazione in questione arrivano, e giustamente, alla fine.
E. A. Poe Eureka
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE