Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

XXII. DALLA FOLLIA, LE GUERRE


Follia: « Perché si manifestino le grandi imprese eroiche della storia è necessario che ci sia la mia spinta; nessuna scienza, nessun’arte eccellente è mai stata scoperta se non per merito mio. Non è la guerra origine e banco di prova delle imprese più celebrate? Ebbene, cosa c’è di più assurdo? Per un motivo qualsiasi, spesso un’inezia, le parti avverse scendono in campo sapendo in partenza che le perdite saranno comunque superiori ai vantaggi che potranno trarne. Chi ci lascia la pelle, poi, ha ben poco di cui andar fiero! Ma quando i due eserciti sono belli e schierati l’uno di fronte all’altro e il suono dei corni sprona i soldati all’attacco c’è forse bisogno di uomini saggi, sfiniti dal troppo studio, anemici ed esangui, che faticano a respirare? Servono giovani nelle cui vene scorra sangue pieno e forte, tanto più audaci quanto più irragionevoli. A meno che non si voglia fare come Demostene, che, trovatosi di fronte al nemico, non esitò a seguire il consiglio di Archiloco e gettò via lo scudo per fuggire a gambe levate. Sul campo si dimostrò vigliacco quanto era invece valente come oratore. Si dice che in guerra molto dipenda dalla strategia. Sì, ma del generale. E non si tratta comunque di strategia filosofica, ma militare. Alla quale devono prender parte mercenari, lenoni, ladri, criminali, contadini idioti,banchieri in rovina, insomma, l’intera feccia dell’umanità, non i filosofi con i loro volti sbiaditi al lume di candela. »
Erasmo Elogio della Follia
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE