Passa ai contenuti principali

VISUALIZZAZIONI BLOG

DERRIDA: POLITICHE DELL'AMICIZIA


OLIGARCHIE: NOMINARE, ENUMERARE, CENSIRE

“O mes amis, il n’y a nul amy”.
Mi rivolgo a voi, non è vero?
- Conta qualcosa?
- Così rivolgendomi a voi, forse non ho detto ancora nulla.
Niente che sia detto in un tal dire. Niente, forse, di dicibile.
Bisogna forse ammetterlo, forse non mi sono neppure ancora rivolto. Rivolto a voi, perlomeno.
Quanti siamo?
- Come contare?
- Da una parte e dall’altra di una virgola, dopo la pausa, “O miei amici, non c’è nessun amico”, ecco due parti disgiunte di una sola e stessa frase. Un’enunciazione quasi impossibile. In due tempi. Tra loro inarticolabili, i due tempi sembrano disgiunti dal senso stesso di ciò che sembra allo stesso tempo affermato e negato:”miei amici, nessun amico”. In due tempi ma nello stesso tempo, nel contrattempo della stessa frase. Se non c’è “nessun amico”, come potrei chiamarvi miei amici? Con che diritto? Come potreste prendermi sul serio? Se vi chiamo miei amici, amici miei, se vi chiamo amici miei come osar dire ancora, e proprio a voi, che non c’è nessun amico?
Per quanto sembrino incompatibili, e votati all’annullamento nella contraddizione, ecco che, in una sorta di desiderio disperatamente dialettico, i due tempi formano già due tesi, due momenti forse, si incatenano, paiono assieme, compaiono, al presente: si presentano come d’ un sol tratto, d’un sol soffio, nello stesso presente, nel presente stesso. Allo stesso tempo, e davanti non si sa a chi, davanti alla legge di non si sa chi. Il contrattempo strizza l’occhio all’incontro, si presenta senza indugio ma senza zelo: non c’è incontro promesso senza la possibilità del contrattempo. Dal momento che ce n’è più d’uno.
Ma quanti siamo?
J. Derrida "Politiche dell’amicizia"
Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA DONNA ETRUSCA

Le donne etrusche non soltanto godevano di maggior libertà delle romane nella vita privata, ma esercitavano nella società civile un ruolo preponderante, al quale le matrone della Roma antica non potevano aspirare, malgrado l'autorità ben meritata per le loro virtù. Ciò risulta in modo perspicuo dal personaggio Tanaquilla, quale Tito Livio lo descrisse non senza stupore, e nella parte assunta da questa donna straordinaria nell'elevazione del marito Tarquinio Prisco, a re di Roma.[...] Non c'era alcunché di più solenne e nel medesimo tempo di più normale dell'arrivo di questa famigliola di ricchi emigranti, il futuro Tarquinio e la moglie Tanaquilla, quando su un carro [...] sul quale erano accatastati i loro  mobili, giunsero un giorno in vista di Roma. Dopo aver viaggiato lungo quella che sarebbe stata la via Aurelia, dalla sommità del Gianicolo, i due coniugi scoprirono. distesa in un'ansa del Tevere, una Roma primitiva, con le sue capanne di contadini e di pasto…

LABIRINTO DELLA MASONE DI FRANCO MARIA RICCI

Labirinto, collezione privata e mostra di Carlo Mattioli

FILIPPO ALBERTIN: ANNI LUCE